LA ROSSA MASCHERA DEL TERRORE

1

16 febbraio 2014 di cinemadegenere2014

LA ROSSA MASCHERA DEL TERRORE

GB 1969

Regia: Gordon Hessler

Interpreti principali: Cristopher Lee, Vincent Price, Rupert Davies.

Affascinante horror gotico inglese, si ispira nel titolo originale “The Oblong box” all’omonimo racconto dei Edgar Alla Poe. In realtà, come spesso accadeva all’epoca, i racconti del grande scrittore erano utilizzati più per dare un titolo alettante alle pellicole, che per dare ispirazione alla storia. Il film in questione infatti ha ben poca attinenza con il racconto che gli dà il titolo e pare più simile ad un’altra novella di Poe, “La sepoltura prematura”. Come accaduto in Italia negli stessi anni con il filone “zoologico” anche nei paesi anglosassoni, dopo il grande successo avuto dalle pellicole di Roger Corman ispirate più o meno fedelmente ai racconti dello scrittore di Baltimora, fiorì tutta una teoria di film che prendevano il titolo dai racconti di Poe.

Vincent Price

Vincent Price

Nonostante questo, il film che vado trattando è un gradevolissimo esempio di horror gotico, sorretto dalle magistrali interpretazioni di Vincenti Price e Cristopher Lee. Il primo interpreta il ruolo di Sir Julian Markham, un nobile inglese che, dopo aver fatto fortuna in Africa insieme al fratello Edward, è tornato in patria. Quest’ultimo, dopo il rientro in Inghilterra, ha sempre vissuto segregato. La giustificazione data da Julian è che in Africa abbia contratto una malattia nervosa, mentre, sin dalle prime immagini del film si capisce come il nobile sia stato vittima di un rituale durante il quale il suo viso è stato deturpato e la sua mente sconvolta. Edward non accetta di vivere segregato e trama alle spalle del fratello, che ritiene responsabile di quanto accadutogli, per riuscire a liberarsi. A tal fine riesce ad entrare in contatto con un losco figuro che gli procura una droga che dovrebbe portare il corpo di Edward ad uno stato catatonico, per fingersi morto, in modo che i suoi complici possano farlo scappare dalla sepoltura, una volta rinvenuto. Il piano funziona solo a metà. Edward assume il farmaco, ed entra in catalessi. Il suo complice però preferisce tenersi il compenso e non disseppellire Edward. In aiuto del viene viene una banda di ladri di cadaveri che, del tutto casualmente, disseppellisce la tomba dello sfigurato e la porta in casa del medico che aveva commissionato il furto. Una volta rinvenuto, il nobile obbliga il dottor Nehhart (Cristopher Lee) ad aiutarlo nei suoi propositi, minacciandolo di denunciarlo per la sua poco morale condotta. Con l’aiuto del riluttante medico, Edward porta avanti il suo piano di vendetta. Per muoversi nel mondo e non mostrare la sua deformità il nobile si pone sul volto una maschera rossa.

Cristopher Lee

Cristopher Lee

La regia di Hessler è molto ispirata. Estremamente affascinante ed efficace è la sequenza iniziale, durante la quale è rappresentato il rito cui viene sottoposto Edward. La regia è nervosa e le scene dei balli degli officianti, riprese sempre in campo stretto, per aumentare il ritmo dell’azione, sono intervallate da lunghe soggettive del punto di vista di Edward che vede da vicino lo stregone che si agita davanti a lui mostrandogli un lungo coltello. Il senso di claustrofobia è molto elevato e ciò contribuisce ad aumentare la tensione nello spettatore.

Lo stregone

Lo stregone

Il resto del film è condotto con grande sapienza, rendendo la storia con grande ritmo e con uno stile spigliato e moderno per i canoni del cinema “di paura” inglese del periodo.
Molto interessante e originale per il periodo in cui è stato girato il film è anche il fatto che il “mostro” sia visto con grande umanità. Le azioni malvagie di Edward sono, se non giustificate, almeno motivate dalla condotta decisamente più immorale del fratello Julian che però mantiene sempre un degnissimo contegno quando è in società.
Molto azzeccata anche la maschera con cui Edward si copre il volto. Molto semplice nella realizzazione e, forse proprio per quello, molto efficace. “L’uomo mascherato” avrebbe potuto scadere nel ridicolo, invece regista e truccatore sono riusciti a conferirgli una giusta aura di mistero e una buona dose di realismo. Anche gli altri effetti speciali sono realizzati con grande cura e realismo.

La maschera di Edward

La maschera di Edward

Buona visione!

Annunci

One thought on “LA ROSSA MASCHERA DEL TERRORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: