I TRE VOLTI DELLA PAURA

4

5 marzo 2014 di cinemadegenere2014

I TRE VOLTI DELLA PAURA

IT-FR 1963

Regia: Mario bava

Interpreti principali: Boris Karloff, Michéle Mercier, Mark Damon.

Film composto da tre episodi ( “Il telefono”, “I Wurdalak” e “La goccia d’acqua”) è uno dei film più affascinanti di Mario Bava.

Il primo episodio narra la storia di una giovane che al proprio rientro a casa subisce minacce telefoniche da un individuo evaso dal carcere; dopo aver trascorso una notte di angosce in compagnia di un’amica si capirà che la realtà non quella che la giovane credeva.

L'appartamento in cui si svolge il primo episodio

L’appartamento in cui si svolge il primo episodio

I Wurdalak”, tratto da un geniale racconto di Aleksej Tolstoj, narra le vicende di una famiglia contadina il cui capostipite, interpretato da un gustosissimo Boris Karlof, torna a casa dopo lo scontro con un terribile vampiro. Ben presto i figli del vecchio capiranno che lo scontro con il non morto ha profondamente cambiato il loro genitore.

Uno dei momenti più inquietanti de "I Wurdalak"

Uno dei momenti più inquietanti de “I Wurdalak”

Il terzo episodio del film è un piccolo capolavoro di tensione e di poetica visiva. Narra la storia di un’infermiera che, chiamata a comporre il corpo della sua ultima paziente, ruba un anello al cadavere. Gli sviluppi della vicenda faranno capire come la prima proprietaria del gioiello non fosse molto convinta di voler lasciare il prezioso all’infermiera.

In questa pellicola il cineasta sanremese da fondo alle sue migliori doti, mettendo in scena tre storie completamente diverse. La narrazione passa, infatti, con disinvoltura, dal trhiller claustrofobico, al film gotico, all’horror macabro. Bava dimostra di essere a proprio agio in tutte le parti di cui è composto il film, rendendo con soluzioni sempre molto eleganti e di grande qualità, il giusto tono e il giusto contorno alla vicenda.

Come in molte altre sue pellicole il regista cura con attenzione quasi maniacale la fotografia. Ogni episodio è dominato da una precisa nota di colore, ne “Il telefono”, ad esempio, la sfumatura predominante è il giallo. Scelta molto originale che conferisce una sorta di artificiale luminosità ad una storia che si svolge quasi interamente di notte. Ne “I Wurdalak”, invece, le ambientazioni notturne sono sottolineate da colori scuri e cupi. Mentre nel primo episodio la notte non si “vede” mai, dato che la vicenda si svolge sempre nel chiuso di un appartamento, nel secondo il cielo notturno la fa da padrone. “La goccia d’acqua” ha diverse sfumature, tutte però sublimate da note di verde muschio, colore molto utile a sottolineare la tematica macabra e morbosa della storia. Bisogna notare che il manichino del cadavere della defunta è stato realizzato dal padre di Mario Bava, Eugenio Bava, direttore della fotografia e realizzatore di effetti speciali agli albori del cinema italiano, che insegnò i primi trucchi del mestiere al figlio.

La creatura di Eugenio Bava

La creatura di Eugenio Bava

Le tre vicende sono presentate da Boris Karloff che si diverte anche, nel finale a mostrare al pubblico quale trucco sia stato utilizzato per realizzare una delle scene a maggior impatto emotivo del film. La presenza dell’attore è un altro grande pregio del film. Le sue capacità istrioniche conferiscono alla pellicola una grande brillantezza.

Boris Karlof presenta il film di Mario Bava

Boris Karlof presenta il film di Mario Bava

So di essere ripetitivo, ma non posso che affermare nuovamente che sia un delitto che la critica cinematografica l’abbia sempre considerato così poco.

Annunci

4 thoughts on “I TRE VOLTI DELLA PAURA

  1. benez256 ha detto:

    Bellissimo film, ma con Bava si va praticamente sempre sul sicuro. Il primo episodio è quello che mi è piaciuto di più, mentre quello dei Wurdalak, nonostante la magistral interpretazione di Karloff, mi è sembrato un po’ troppo “telefonato”

    • cinemadegenere2014 ha detto:

      Un pochino manieristico, però di grande atmosfera. Molto bella la versione degli anni settanta della medesima storia “La Notte dei Diavoli”. Trovi la recensione nella sezione “Horror Italiano”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: